Condizioni generali di contratto:

Segreteria Remota – Assistente in Cloud

GAP Srl, (di seguito GAP) offre attraverso i Brand “segreteriaremota.it” e “assistenteincloud.it” (di seguito: Brand) una vasta gamma di servizi di supporto alla gestione aziendale, in particolar modo l’attività di segretariato anche telefonico (di seguito “Servizio”). Eventuali importi economici presenti nell’elaborato sono da ritenersi espressi in Euro (€) e NON comprensivi di IVA.
Con una logica di trasparenza comunicativa di diritti e doveri verso i propri clienti derivanti dalla sottoscrizione del contratto e per regolamentare il corretto svolgimento del servizio offerto, si riportano di seguito le condizioni generali contrattuali:
Art. 1 Oggetto del contratto
(1) GAP tramite i siti pubblici dei Brand offre determinati pacchetti con diverse caratteristiche e tariffe tra cui il cliente può esercitare la sua scelta. Permane comunque una consistente parte di lavoro soggetta a fatturazione direttamente proporzionale all’intensità del traffico telefonico generato durante l’esecuzione del servizio stesso. Singole casistiche, ove non ricomprese nel contratto, che dovessero sopraggiungere durante lo svolgimento del servizio, saranno erogate seguendo la presunta volontà del Cliente e con la filosofia del “best effort”.
(2) Per l’erogazione del servizio sarà assegnato al Cliente una numerazione “tecnica” (di seguito: numero nero), di proprietà di GAP, su cui deviare le proprie chiamate. Si specifica che non si crea in capo al Cliente nessun diritto di inserimento del numero nero in elenchi pubblici o generalmente divulgabile come proprio numero per scopi commerciali o di qualsivoglia altra natura. Non è altresì ammesso il diritto alla “Number Portability” dei numeri neri, diritto invece concesso nel caso di sottoscrizione di “numeri geografici virtuali” (di seguito: numeri VOIP) che saranno assegnati al cliente previo pagamento del canone annuale, dei costi di portabilità ed amministrativi pari a 59,00€ e su esplicita richiesta del Cliente. Per l’assegnazione di numeri VOIP, GAP si riserva il diritto di richiedere al Cliente una prova del suo afferimento a tale rete urbana (es. visura camerale). In mancanza di tale prova, il Cliente non avrà diritto all’utilizzo di numerazioni VOIP.
(3)La gestione delle chiamate può riguardare anche indicazioni operative basilari: quali ad esempio il rilascio di informazioni sulla società – indirizzo, numero del titolare, email,… – sottoscrizione di ordini, smistamento delle chiamate agli interni del Cliente, gestione di un’agenda di appuntamenti. Tutti questi elementi devono essere preventivamente concordati con i responsabili operativi di GAP con i quali si verificherà la possibilità di poterli eseguire in chiamata. Ogni modifica a tali contenuti deve essere prontamente comunicata per iscritto dai Clienti a GAP e viceversa. Il giudizio in merito a cosa sarà possibili eseguire in conversazione e cosa no, sarà ad insindacabile giudizio di GAP ed inoltre potrebbe essere soggetto a dei sovrapprezzi o a dei canoni mensili accessori a quello principale da definire a lato del prospetto economico complessivo presentato nelle offerte standard dei Brand.
(4) GAP si impegna ad adottare la filosofia del “Best Effort”, per tanto garantisce che le lavorazioni saranno sempre eseguite con la massima cura, diligenza e professionalità possibile. E’ possibile che nello svolgimento del proprio lavoro alcune informazioni rilasciate siano incomplete o poco chiare per cause da imputarsi a problemi tecnici o a problemi di trasmissione telefonica, di disturbi o di lingua o incomprensioni tra gli operatori di GAP coi Clienti. Il cliente accetta espressamente questa eventualità.
(5) È fatto divieto di trasferimento a titolo oneroso o gratuito a terzi o ad altre aziende, ditte o uffici in genere del Cliente e non, del servizio erogato da GAP.
(6) GAP si riserva di interrompere o sospendere il servizio erogato, per uno o più dei seguenti motivi:
• Interruzione delle linee telefoniche e delle linee internet.
• interventi di manutenzione, riparazione, ecc. necessari al fine di garantire o migliorare il servizio.
• modifiche tecniche al sistema di tipo straordinario.
• cause di forza maggiore non imputabili a GAP o ai Brand.
• inadempimento economico da parte dei Clienti.
• utilizzo del servizio per scopi illeciti o contro il buon costume.
E’ chiaro che GAP farà sì che tali disagi siano risolti nel più breve tempo possibile e resta inteso che farà adeguata comunicazione e motivazione ai Clienti. Il Cliente rinuncia alla richiesta di qualsivoglia indennizzo per inutilizzazione temporanea del servizio se questa ha durata inferiore alle 24 ore lavorative.
(7) GAP si riserva la possibilità di subappalto del servizio a terzi mantenendo validi tutti gli obblighi compresi nelle presenti Condizioni Generali di Contratto e supervisionando che i soggetti appaltatori osservino i medesimi standard qualitativi e di protezione dei dati e riservatezza offerti da GAP coi sui Brand. Il Cliente accetta il subappalto quando le prestazioni eseguite dalle ditte terze sono equiparabili alle prestazioni di GAP.
(8) GAP si riserva di poter apportare modifiche o integrazioni alle caratteristiche dei servizi e le relativa tariffe. In caso di modifiche, queste saranno prontamente comunicate ai Clienti interessati attraverso la posta elettronica agli indirizzi rilasciati dal cliente in fasi di adesione al servizio. Se le modifiche saranno a svantaggio del Cliente, quest’ultimo avrà diritto di recesso straordinario entro un mese dall’invio della comunicazione da parte di GAP. Se il Cliente non eserciterà questo diritto, le modiche si riterranno accettate.
Art. 2 Inizio del contratto
(1) Il Rapporto Contrattuale ha inizio nel momento in cui il contratto debitamente compilato e sottoscritto perviene a GAP agli indirizzi indicati nei modulo dei rispettivi Brand. I canoni mensili di servizio decorrono dalla comunicazione ufficiale di avvenuto Go Live del segretariato da parte dei Brand verso le caselle di posta elettronica indicati dai Clienti in fase di attivazione. Nel contratto sono anche riportati gli estremi del pacchetto e le caratteristiche scelte.
(2) GAP si riserva il diritto di effettuare delle ricerche circa l’identità del Cliente e dei suoi rappresentanti legali, di verificarne la solvibilità e di richiedere eventuali cauzioni e garanzie. GAP si riserva di rifiutare la sottoscrizione del Contratto e quindi di non attivare alcun servizio.
(3) GAP può offrire dei periodi di prova gratuiti del servizio dei Brand limitati nelle caratteristiche e nei tempi di utilizzo. Il Cliente è tenuto a farne uso solo nella misura necessaria a conoscere e testare i servizi in modo adeguato (“fair-use policy”). GAP si riserva di terminare i periodi di prova nei casi in cui si riscontrano carichi di lavoro diversi dal normale uso tipico del servizio.
Art. 3 Obblighi del Cliente
(1) Il Cliente si impegna a non utilizzare i servizi offerte da GAP coi Brand per diffondere o distribuire contenuti che violino qualunque tipo di norma di legge. I numeri di telefono e gli indirizzi e-mail messi a disposizione del Cliente non devono essere utilizzati per contattare indebitamente terzi allo scopo di diffondere pubblicità non richiesta o per attività illegali.
(2) E’ in capo al Cliente l’obbligo di informare immediatamente GAP tramite gli indirizzi dei Brand in caso di modifiche relative al proprio indirizzo, reperibilità telefonica, coordinate bancarie, forma giuridica o rappresentanza legale, e a dare comunicazione di qualsiasi altra circostanza altrettanto importante ai fini del regolare svolgimento del servizio ed in generale al rapporto contrattuale tra le parti. GAP avrà il diritto di esercitare la revoca straordinaria del servizio nei casi in cui ritengono non ci possano essere le premesse per un regolare svolgimento della lavorazione o giudichino problematica la regolare riscossione dei pagamenti.
(3) E’ facoltà di GAP tramite i Brand di associare un Portale Utente ai Clienti. Nel caso, i Clienti si impegnano a non divulgare le proprie credenziali o permetterne l’utilizzo a terzi. Inoltre, sono responsabili in casi di smarrimento o accesso a parte di persone terze. Tutte le azioni effettuate sui Portali dei Brand da parte delle utenze dei Clienti sono considerate dispositive e vincolanti anche economicamente. Sarà onere del Cliente dimostrare che eventuali danni sono stati causati da GAP.
(4) Ai Clienti, GAP tramite i Brand comunicherà i riferimenti e le modalità con cui notificare eventuali modifiche o integrazioni alle disposizioni consegnate o sottoscritte in fase di attivazione dei servizi in merito a risposta, inoltro, opzioni di notifica e qualsiasi altra caratteristica facente parte dell’esecuzione del servizio. GAP tramite i Brand si riserva di non procedere con eventuali modifiche nel caso ritengano non consona la modalità comunicativa adottata dai Clienti, o non sia sufficientemente comprovata al vera identità del comunicante.
(5) Nel caso il Cliente preveda dei picchi anomali di chiamate, ad esempio imputabili a campagne pubblicitarie, è tenuto ad informare per tempo GAP tramite i Brand che provvederà ad organizzare lo staff affinché vengano gestite il maggior numero di chiamate possibili.
(6) Rimane in capo al Cliente la correttezza delle informazioni passate a GAP in fase di attivazione o in successivi momenti.
(7) È esclusa ogni possibilità di trasferimento dei servizi GAP tramite i Brand a terzi (rivendita) se non preventivamente concordato.
Art. 4 Pagamento dei servizi
(1) I servizi vengono resi dietro pagamento in base alla tariffa concordata nel contratto. Il compenso è composto da un importo base fisso per la fornitura dei servizi e da importi a consumo. Nel caso sia disponibile e venga sottoscritta, è valida la tariffazione del pacchetto in vigore scelto alla data di sottoscrizione del contratto.
(2) I compensi per gli importi a consumo vengono addebitati in base al servizio effettivamente fruito, quindi, nello specifico, ricezione ed elaborazione delle chiamate o di mansioni specifiche. Sono soggette a pagamento tutte le chiamate indirizzate ai numeri di telefono assegnati da GAP tramite i Brand al Cliente, ivi comprese quelle senza esito (numero sbagliato, fax su telefono, scherzi telefonici, ecc.), tranne quelle attribuibili ai Brand stessi. Le rendicontazioni sono fatte al secondo effettivo di conversazione.
(3) Il periodo di riferimento per la fatturazione dei canoni mensili è il semestre, considerato a partire dal giorno solare di inizio del contratto. Su richiesta di una delle parti è possibile far partire il periodo di fatturazione da una data diversa.
(4) Con l’importo fisso vengono coperte le spese per la messa a disposizione dell’infrastruttura tecnica ed organizzativa per la fruizione dei servizi di GAP tramite i Brand. Gli importi fissi si applicano anticipatamente a partire dall’inizio del periodo di fatturazione e non sono rimborsabili. Gli importi a consumo vengono addebitati a consuntivo a fine mese.
(5) Nel caso in cui al Cliente venga concesso un credito per i servizi a consumo o sui canoni, deve essere utilizzato all’interno del periodo di regolare fruizione del servizio. Salvo diverse disposizioni inserite in offerte particolari, non è consentito trasferire il credito a terzi o ricevere il saldo del credito non usufruito in contanti.
(6) Nel caso in cui il compenso relativo a un determinato periodo di fatturazione superi in qualsiasi modo la soglia individuata nell’importo di €200,00, il relativo costo potrà essere addebitato da GAP tramite i Brand alla data del raggiungimento di tale importo.
(7) È diritto di GAP stabilire un termine adeguato e vincolante per il pagamento delle fatture. I servizi accessori aggiuntivi vengono di norma addebitati insieme al servizio principale. Ove previsto dalle norme fiscali applicabili, le fatture potranno essere messe a disposizione in formato elettronico, e, ad esempio, essere scaricate dall’area cliente online. Dato che non è prevista l’emissione di una fattura in formato cartaceo, chi ne farà espressa richiesta sarà soggetto al pagamento di un compenso adeguato in fattura.
(8) GAP si riserva il diritto di modificare i compensi richiesti per le prestazioni rese. In particolare, potranno essere stabiliti degli aumenti nel caso di innalzamento dei prezzi da parte di terzi (ad es: operatori di rete fissa o mobile) o per far fronte all’emergere di costi relativi alla normale gestione operativa.
(9) Le modifiche verranno comunicate da GAP tramite i Brand in forma scritta al Cliente (valevole anche il mezzo email). Nel caso in cui le modifiche vadano a svantaggio del Cliente, questi avrà facoltà di esercitare il proprio diritto di recesso straordinario entro un mese dalla ricezione della comunicazione delle modifiche apportate. Se tale diritto non verrà esercitato, le modifiche verranno considerate accettate.
Art. 5 Pagamenti, cauzione, mora
(1) Il Cliente concede ai GAP l’autorizzazione revocabile a ritirare alla data di scadenza i compensi dovuti e un’eventuale cauzione concordata (cfr. Art. 5.3), da un conto corrente bancario specificato dal Cliente stesso, o da una carta di credito. Il Cliente si impegna inoltre, ove necessario, a rilasciare a GAP il relativo mandato SEPA o un’autorizzazione di addebito su carta di credito. Nel caso di pagamento tramite carta di credito un’impresa terza può eventualmente fungere da prestatore di servizio. In tal caso, nella rispettiva fattura verranno indicati esattamente il nome e la sede di questa impresa, nonché la corretta denominazione della voce da prelevare sul conteggio della carta di credito.
(2) Se una richiesta di pagamento (SEPA o un’autorizzazione di addebito su carta di credito) non va a buon fine per qualsiasi ragione non imputabile a GAP e genera una nuova richiesta di pagamento verso il Cliente, quest’ultimo è tenuto a rimborsare a GAP tutte le spese per la ri-emissione della richiesta di pagamento.
(3) In casi eccezionali documentati (es.: assegnazione di servizi particolarmente costosi come l’inoltro di chiamate all’estero, numeri a tariffazione speciale, flussi di chiamate importanti, ecc.; indice di solvibilità del cliente sfavorevole; nessun mandato di addebito SEPA o su carta di credito), al fine di garantire la copertura per i servizi resi, GAP ha il diritto di richiedere una cauzione adeguata o degli acconti. Su tale cauzione non si applicano interessi. In caso di cessazione della necessità di copertura, la cauzione verrà immediatamente restituita al Cliente previa richiesta scritta da parte dello stesso.
(4) Nel caso in cui il Cliente del servizio sia una società di capitali o di persone a responsabilità limitata, GAP tramite i Brand può richiedere, oltre alla presentazione di una cauzione, anche l’assunzione del debito da parte di un singolo individuo oppure la presentazione di una garanzia collaterale per i crediti futuri derivanti dal Rapporto Contrattuale.
(5) In caso di ritardo nel pagamento dei servizi da parte del Cliente, GAP può, fatti salvi ulteriori diritti – in particolare interessi e revoca – interrompere i servizi resi con debita notifica. Ciò non pregiudica l’obbligo di pagamento di eventuali importi fissi applicabili. In caso di mora, il Cliente sarà tenuto a versare un importo forfettario pari a 10,00 € per il sollecito di pagamento. Spetta al Cliente dimostrare la non sussistenza del danno o che il danno causato è nettamente inferiore a tale importo forfettario.
(6) ) Qualora GAP fosse obbligati per legge o in seguito ad una decisione del tribunale a fornire a terzi informazioni sull’oggetto, la tipologia o l’entità del presente contratto (ad esempio fornendo tali informazioni alle autorità giudiziarie), gli stessi hanno il diritto di addebitare al cliente un rimborso spese forfettario per gli oneri sostenuti a tale scopo, pari a 15€/ora. Spetta al Cliente dimostrare che un tale onere non è stato sostenuto o che è di gran lunga inferiore a tale importo forfettario.
Art. 6 Obiezioni su addebiti per prestazioni, controcrediti
(1) Il Cliente deve segnalare eventuali obiezioni relativamente ad addebiti per prestazioni entro quattro settimane dalla ricezione della fattura, direttamente a GAP tramite i Brand. Qualora, entro tale termine, il Cliente non abbia segnalato alcuna obiezione, la fattura si intenderà integralmente accettata. GAP menziona espressamente al Cliente tale termine e le conseguenze del suo mancato rispetto in ogni fattura. Ciò trova applicazione senza pregiudizio per i diritti stabiliti a norma di legge.
(2) La sollevazione di eventuali obiezioni o eccezioni non pregiudica l’obbligo di saldo. Se tali obiezioni o eccezioni saranno riconosciute come fondate da GAP, il Cliente potrà richiedere il risarcimento di importi già saldati (riaccredito).
Art. 7 Protezione delle informazioni
(1) GAP tramite i Brand raccoglie, salva ed elabora informazioni personali nell’ambito di un Rapporto Contrattuale e nel rispetto delle norme di legge ed in ottemperanza alla disposizione della certificazione ISO:27001 e ISO:9001. Per approfondimenti visitare il sito dei rispettivi Brand.
(2) Sono a carico del cliente/committente le autorizzazioni di trattamento dei dati personali dei propri clienti così come per legge.
Art. 8 Responsabilità
(1) GAP risponde di danni – indipendentemente dal titolo, siano essi di natura contrattuale o extra-contrattuale – solo nel caso in cui tali danni siano causati da GAP tramite i Brand stessi intenzionalmente o per negligenza grave, ovvero siano derivanti dalla violazione di uno degli obblighi a cui sono tenuti, la cui realizzazione è essenziale per la corretta esecuzione del rapporto contrattuale in questione e sul cui adempimento il Cliente può regolarmente fare affidamento. In caso di semplice violazione degli obblighi contrattuali fondamentali, GAP risponderà dei soli danni contrattuali tipici e prevedibili, fino a un importo massimo pari al doppio del fatturato medio mensile attuale del relativo Cliente. In caso di semplice violazione degli obblighi fondamentali per negligenza, GAP non risponderà dei danni indiretti, in particolare per mancato guadagno. Ogni ulteriore richiesta di risarcimento è esclusa, fatte salve le disposizioni di cui al par. 8.2.
(2) Il par. 8.1 non trova applicazione in caso di violazioni riguardanti la vita, la persona o la salute, ovvero danni patrimoniali legati all’erogazione di servizi di telecomunicazione. Per servizi di telecomunicazione si intendono quelle prestazioni costituite prevalentemente o interamente dalla trasmissione di segnali sulle reti di telecomunicazione, nell’ambito dell’inoltro di conversazioni. Trovano applicazione le norme di legge. Sono fatte salve le norme sulla responsabilità per danno da prodotti difettosi.
(3) Non sussiste alcuna responsabilità di GAP per danni patrimoniali dovuti a errori di trasmissione delle informazioni tra Cliente, i relativi clienti e collaboratori di GAP. In particolare non è prevista alcuna responsabilità nel caso in cui il Cliente venga meno ai propri obblighi di evitare e/o contenere eventuali danni (Art. 3, par. 8) e/o abbia comunicato richieste di modifica con altre modalità ai sensi dell’Art. 3, par. 6, o abbia violato la disciplina sull’autorizzazione e il trattamento dei dati dei propri stessi clienti di cui alla legge e al presente contratto.
(4) GAP non risponde di danni dovuti a guasti, danneggiamenti o malfunzionamento di impianti e dispositivi di terzi, in particolare per quanto concerne gli operatori telefonici o gli operatori e fornitori di telefonia mobile. Non risponde inoltre di danni dovuti a cause di forza maggiore, a meno che i danni non siano riconducibili a GAP stessa ai sensi del par. 1 e 2.
(5) Tutte le richieste di risarcimento rivolte a GAP devono essere inoltrate dal Cliente entro 6 mesi dalla presa di conoscenza delle circostanze in questione, comunque non oltre 5 anni dall’insorgere delle stesse indipendentemente dalla presa di conoscenza. Ciò non trova applicazione in caso di violazioni riguardanti la vita, la persona, la salute e la libertà, e in caso di azioni intenzionali.
(6) Nel caso in cui la normativa applicabile escluda o limiti la responsabilità di GAP, tale normativa troverà applicazione anche per tutti i dipendenti, rappresentanti e collaboratori di GAP.
Art. 9 Revoca, cambio di tariffa, modifiche alle presenti condizioni generali di contratto
(1) Le parti, derogando agli artt. 1373 e 1671 del codice civile, hanno facoltà di recedere dal contratto con effetto immediato e senza giustificato motivo nel corso dei primi due mesi di validità del contratto. Qualora un importo fisso sia già stato fatturato al momento del recesso da parte del Cliente, esso resta interamente dovuto e non verrà rimborsato. Successivamente a tale data il termine per il recesso è di un mese a partire dalla fine del periodo di riferimento per la fatturazione. I termini di recesso si intendono prorogati in caso di durata maggiore del contratto per entrambe le parti, nello specifico:
(a) un anno a partire dall’entrata in vigore del contratto: due mesi dalla fine del periodo di fatturazione,
(b) tre anni a partire dall’entrata in vigore del contratto: tre mesi dalla fine del periodo di fatturazione.
Tale disposizione trova applicazione anche per i servizi aggiuntivi, a condizione che non siano stati pattuiti termini diversi. Quanto sopra non pregiudica il diritto di recesso (senza termini) per giustificato motivo.
(2) In particolare GP ha facoltà di recedere dal contratto senza preavviso per giustificato motivo nei seguenti casi:
(a) il Cliente modifica l’indirizzo comunicato al momento della stipula senza relativa comunicazione spontanea a GAP tramite i Brand entro 14 giorni; la notifica di una casella postale o simile non vale quale indirizzo;
(b) il Cliente risulta in ritardo con il pagamento dei servizi relativamente anche ad una singola fattura
(c) il Cliente risulta in ritardo con il pagamento dei servizi per un importo superiore al limite di credito ;
(d) se il Cliente vìola in modo colposo le condizioni contrattuali e non elimina le cause che hanno portato alla trasgressione entro un termine adeguato dopo essere ammonito da GAP tramite i Brand.
Nel caso di trasgressioni gravi GAP si riserva di rinunciare all’ammonizione;
(e) indizi rilevanti e chiari che portino a ritenere che le modalità di gestione del Cliente siano contrarie al buon costume o alle norme di legge vigenti;
(f) avvio di una procedura di insolvenza nei confronti del Cliente.
(3) In caso di recesso, il Cliente potrà comunque continuare ad accedere all’area cliente. L’utilizzo del portale cliente è disciplinato dalle norme del presente documento, fatte salve le disposizioni secondo cui GAP risponde solo in caso di grave negligenza e intenzionalità anche in caso di violazione degli obblighi essenziali, ai sensi dell’Art. 8, par. 1.
(4) Il Cliente può comunicare il recesso a:
per Segreteria Remota: tramite e-mail a info@segreteriaremota.it
per Assistente in Cloud : tramite e-mail a info@assitenteincloud.it
Oppure via FAX al numero unico dei Brand: 040 0648647.
In ogni caso GAP tramite i Brand fornirà una conferma di disdetta del servizio via email al Cliente.
(5) Il recesso da parte di GAP sarà espresso in forma scritta e si intende confermato anche nel caso in cui sia stato inviato all’ultimo indirizzo email indicato dal Cliente ma non si sia potuto procedere alla notifica o alla sua presa in consegna.
(6) Il mancato utilizzo dei servizi offerti dai Brand da parte del Cliente non dà luogo ad alcun recesso ai sensi del par. 1, anche in caso di sospensione prolungata.
(7) Ogni passaggio a un pacchetto o una tariffa diversa può essere richiesto con almeno tre giorni lavorativi di anticipo rispetto all’inizio del periodo di fatturazione successivo (Art. 4.3). I servizi di segretariato aggiuntivi e altri ampliamenti del servizio possono essere prenotati con effetto a partire dal giorno feriale successivo. La revoca del servizio di segreteria principale ha effetto anche per tutti i servizi di segreteria aggiuntivi.
(8) hanno facoltà di apportare modifiche successive o integrazioni alle condizioni generali di contratto. In tal caso le modifiche verranno comunicate da GAP tramite i Brand in forma scritta al Cliente. Se il Cliente non si oppone alle modifiche entro un mese dalla ricezione della comunicazione, le condizioni modificate diventeranno parte integrante del contratto. In caso di opposizione da parte del Cliente, rimangono valide le disposizioni originali. La comunicazione conterrà espressa menzione del termine e delle conseguenze del suo mancato rispetto.
(9) Eventuali nuovi servizi potranno essere soggetti a integrazione delle condizioni generali di contratto.
Art. 10 Forma delle dichiarazioni di volontà, trasferimento del contratto
(1) Nei casi che richiedano la forma scritta ai sensi delle presenti condizioni generali, tale condizione si ritiene rispettata anche ove GAP tramite i Brand faccia pervenire le comunicazioni al Cliente per posta elettronica. La dichiarazione risulta valida a partire da una settimana dalla consegna nella casella di posta del Cliente, anche se quest’ultimo non la ha visualizzata. Quanto sopra trova applicazione anche per eventuali dichiarazioni relative ai rapporti contrattuali, a meno che non sia prevista una formalità maggiore per il caso specifico, come la forma scritta cartacea.
(2) Nei casi di cui al presente contratto che richiedono la forma scritta per le comunicazioni a carico del cliente, tali comunicazioni andranno inviate a:
Segreteria Remota: tramite e-mail a info@segreteriaremota.it
Assistente in Cloud : tramite e-mail a info@assitenteincloud.it
Oppure via FAX al numero unico dei Brand: 040 0648647.
(3) GAP ha facoltà di trasferire a terzi gli obblighi e diritti derivanti dal contratto, a condizione che i relativi interessi non siano in contrasto con quelli del Cliente, che tali terzi possano garantire l’erogazione di servizi conformi a quanto stabilito nel contratto e che non sussista alcun dubbio sulla solvibilità e sulle competenze tecniche di tali terzi. In caso di trasferimento del contratto, il Cliente avrà facoltà di richiederne la revoca immediata. Il diritto di revoca decade qualora il Cliente non si opponga al trasferimento entro un mese dalla ricezione della comunicazione sul trasferimento del contratto. La comunicazione conterrà espressa menzione del termine di recesso e delle conseguenze del suo mancato rispetto. Le modifiche non entreranno in vigore prima della scadenza del termine mensile.
(4) Qualora alcune disposizioni delle presenti condizioni generali dovessero risultare del tutto o parzialmente invalide, ciò non pregiudica la validità delle restanti disposizioni. Le parti si obbligano a concordare un regolamento adeguato che sostituisca quello invalido, e che, in accordo alle norme di legge, si avvicini il più possibile alla comune volontà delle parti coinvolte dal presente contratto.
Art. 11 Clausola di conciliazione e arbitrato
Per la risoluzione di qualsiasi controversia derivante dalla o relativa alla interpretazione e/o esecuzione delle Condizioni Generali, delle Condizioni di Telefonia e del Rapporto Contrattuale è competente in via esclusiva il foro di Trieste, fatta salva la competenza dei fori inderogabili. Diritto sostanziale applicabile alle Condizioni Generali, alle Condizioni di Telefonia e al Rapporto Contrattuale sarà il diritto italiano. Per tutto quanto non espressamente disciplinato nelle presenti Condizioni Generali, si fa rinvio alle disposizioni del codice civile in materia di appalti.
L’utilizzo del servizio erogato da GAP tramite i Brand comporta l’accettazione del presente contratto. Usufruendo del servizio l’utente dichiara pertanto di aver letto, compreso e accettato il presente contratto in ogni sua parte.
Il Cliente precisa, inoltre, di agire nell’esercizio di un’attività imprenditoriale, commerciale o professionale e di concludere il contratto – conseguente all’accettazione del presente Ordine mediante la Conferma di Ordine dei Brand – per finalità legate esclusivamente ad un’attività imprenditoriale, commerciale o professionale e non in qualità di consumatore, come definito all’art. 3 del codice di consumo.